Totò Sapore

Toto’ sapore e la magica storia della Pizza

Siamo a Napoli nel 1700. Ogni giorno i napoletani aspettano con impazienza Totò Sapore, un giovane cantastorie senza il becco di un quattrino, che narra ricchi pranzi e succulenti leccornie. Le sue canzoni non placano la fame, ma almeno scaldano il cuore, donando il buon umore. Totò nel suo cuore ha un sogno, quello di diventare un grande cuoco!

Cosi un bel giorno, la sua vita cambia quando incontra Pulcinella che gli dona quattro vecchie pentole dal magico potere di trasformare qualsiasi schifezza in cibo squisito.

Grazie al potere delle pentole, col tempo Totò diventa il cuoco ufficiale del Re di Napoli. Giunto a Corte, Totò s’innamora della bella Confiance e con l’aiuto di Pulcinella, tenta di evitare i tranelli del cuoco francese Mestolon.

Il vero nemico di Totò, però, è la terribile strega Vesuvia che vive nel vulcano della città e grazie al suo monitor di lava rovente, spia Totò, i napoletani e la loro inspiegabile allegria. L’orribile strega, colma d’invidia, nonché padrona delle pentole magiche, si fa aiutare dal suo servo Vincenzone e sottrae tutti gli averi di Totò, per giunta scatenando una guerra tra Napoli e la Francia.

Quando Napoli è ormai assediata dall’esercito francese, ecco che Totò Sapore e Pulcinella mettono le mani in pasta… Et voilà, la pace tra i due Regni è fatta ed è nata la Pizza!

Altre storie
Cattivissimo me 2
Cattivissimo me 2